Primi casi segnalati di coaguli di sangue che causano ictus nei giovani adulti dopo la vaccinazione


Tre casi di ictus ischemico riportati in giovani adulti a seguito della somministrazione del vaccino Oxford-AstraZeneca.

I coaguli nelle arterie (trombosi arteriosa) sono la causa più comune di ictus (ictus ischemico) e sono stati riportati in dettaglio per la prima volta nei giovani adulti che hanno ricevuto il vaccino covid-19 Oxford-AstraZeneca in una lettera pubblicata da specialisti dell'ictus del Regno Unito, in linea in Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry, si legge su SchTechDaily.


Sebbene rari casi di coaguli di sangue siano stati segnalati in precedenza dopo la somministrazione del vaccino covid-19 Oxford-AstraZeneca, questi hanno colpito le vene e più specificamente le vene del cervello (seni venosi cerebrali).

Le persone che hanno sperimentato questa forma insolita di ictus (trombosi del seno venoso cerebrale) hanno anche avuto una bassa conta piastrinica (trombocitopenia) e anticorpi contro il fattore piastrinico 4 (PF4), proteine che aiutano a formare coaguli.

La forma più comune di ictus, in cui si verificano coaguli di sangue nelle arterie che forniscono sangue al cervello (ictus ischemico), non è stata precedentemente descritta come la caratteristica di presentazione della trombosi dopo la somministrazione del vaccino Oxford-AstraZeneca, ma gli autori di questa lettera riportano tre casi in dettaglio.

In tutti i casi, l'ictus ischemico è stato associato a ostruzioni delle grandi arterie (sia carotidee che cerebrali medie) e due pazienti hanno avuto anche trombosi venosa che coinvolgeva il sistema venoso portale e cerebrale. Tutti e tre avevano anche una conta piastrinica estremamente bassa, anticorpi anti-PF4 confermati e un aumento del D-dimero (anch'esso legato alla coagulazione).

La prima paziente, una donna di 30 anni, ha avuto un mal di testa intermittente sul lato destro e intorno agli occhi sei giorni dopo il vaccino. Cinque giorni dopo si svegliò con una sensazione di sonnolenza e debolezza al viso, al braccio e alla gamba sinistra. L'imaging ha rivelato un'arteria cerebrale media destra bloccata con infarto cerebrale e coaguli di sangue nella trombosi della vena porta destra. Ha subito un intervento chirurgico al cervello per ridurre la pressione nel cranio, rimozione e sostituzione del plasma e ha ricevuto il farmaco anticoagulante fondaparinux, ma sfortunatamente è morta.

La seconda paziente, una donna sulla trentina, ha presentato mal di testa, confusione, debolezza al braccio sinistro e perdita della vista al lato sinistro 12 giorni dopo aver ricevuto il vaccino. L'imaging ha mostrato ostruzioni in diversi vasi tra cui entrambe le arterie carotidi (il principale apporto di sangue agli emisferi del cervello), le arterie che forniscono il cuore e i polmoni (embolia polmonare) e il seno trasverso sinistro (uno dei seni venosi cerebrali). La sua conta piastrinica è aumentata in seguito alla rimozione e sostituzione del plasma e ai corticosteroidi per via endovenosa. Le è stato poi somministrato fondaparinux e migliorato.

Il terzo paziente, un uomo sulla quarantina, ha presentato 3 settimane dopo aver ricevuto la vaccinazione con problemi a parlare e comprendere il linguaggio (disfasia). L'imaging ha mostrato un coagulo nell'arteria cerebrale media sinistra, ma non c'era evidenza di coaguli nei seni venosi cerebrali. Ha ricevuto una trasfusione di piastrine e plasma, e fondaparinux, e rimane stabile.

L'autore principale, il professor David Werring dello Stroke Research Centre, UCL Queen Square Institute of Neurology, afferma che i casi descritti suggeriscono che, oltre alla trombosi venosa cerebrale, anche la trombocitopenia trombotica immunitaria indotta dal vaccino (VTT) può portare a coaguli che bloccare le arterie che irrorano il cervello, causando ictus ischemico.

“I giovani pazienti che si presentano con ictus ischemico dopo aver ricevuto il vaccino [Oxford-AstraZeneca] dovrebbero essere urgentemente valutati per VITT con test di laboratorio (compresi conta piastrinica, D-dimeri, fibrinogeno e anticorpi anti-PF4) e gestiti da un team multidisciplinare (ematologia , neurologia, ictus, neurochirurgia, neuroradiologia) per un rapido accesso a trattamenti tra cui immunoglobuline endovenose, metilprednisolone, plasmaferesi e anticoagulanti non eparinici, ad esempio fondaparinux, argatroban o anticoagulanti orali diretti", affermano gli autori.

In un commento collegato, il professor Hugh Markus, del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche, presso l'Università di Cambridge, scrive: “Questo rapporto sottolinea che la coagulopatia immunomediata può anche causare trombosi arteriosa compreso l'ictus ischemico, sebbene la trombosi venosa e soprattutto il seno venoso cerebrale le trombosi appaiono più frequenti”.

E aggiunge: “Durante l'attuale periodo di vaccinazione covid è necessario un alto indice di sospetto per identificare episodi trombotici successivi alla vaccinazione. Tuttavia, è importante ricordare che questi effetti collaterali sono rari e molto meno comuni sia della trombosi venosa cerebrale che dell'ictus ischemico associati alla stessa infezione da covid-19».

Riferimenti:

"Ictus ischemico come caratteristica di presentazione della trombocitopenia trombotica immunitaria indotta dal vaccino ChAdOx1 nCoV-19" di Talal Al-Mayhani, Sadia Saber, Matthew J Stubbs, Nicholas A Losseff, Richard J Perry, Robert J Simister, David Gull, Hans Rolf Jäger , Marie A Scully e David J Werring, 25 maggio 2021, Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry . DOI: 10.1136/jnnp-2021-326984

"L'ictus ischemico può seguire la vaccinazione COVID-19 , ma è molto più comune con l'infezione COVID-19 stessa" di Hugh S Markus, 25 maggio 2021, Journal of Neurology Neurosurgery & Psychiatry . DOI: 10.1136/jnnp-2021-327057

2,303 visualizzazioni